Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

Il passaporto europeo per animali o anche chiamato “pet passport“, ti servirà se quest’anno hai deciso di andare in vacanza con tutta la famiglia, quindi portando anche Larry o magari Barry .

Quando arriva la bella stagione la voglia di programmare le meritate vacanze si fa sentire e l’idea di lasciare a casa il tuo amico peloso non ti sfiora lontanamente.

Pertanto dovresti essere informato su tutte le indicazioni fondamentali per non rischiare spiacevoli inconvenienti e, soprattutto, ricordarsi di essere in regola con i documenti di identità!

Sì, hai capito bene! Se vuoi viaggiare con il tuo dolcissimo amico a quattro zampe, è previsto anche per lui l’utilizzo del passaporto, un vero e proprio documento di identificazione.

Il passaporto rimpiazza il libretto sanitario dell’animale. Difatti deve citare tutto lo storico della certificazione dei vaccini effettuati, particolarmente l’antirabbica, vaccino obbligatorio, i dati anagrafici dell’animale e del proprietario.

Cosa molto importante, inoltre, è che l’animale dovrà viaggiare insieme al proprietario che è riportato nel documento, in caso contrario con una persona a cui il proprietario abbia dato il proprio consenso e che non abbia scopi commerciali.

NOTA: E’ importante sapere che  è impensabile viaggiare con più di 5 animali, in quanto ritenuto “viaggio a scopo commerciale“. Possono esserci delle eccezioni nel caso in cui gli animali possiedano più di 6 mesi e destinati a presenziare a mostre o competizioni. In tal caso, il proprietario deve fornire la prova d’iscrizione all’evento.

Ecco cosa sapere per ottenere il passaporto europeo per l’animale:

Cos’è il passaporto europeo per animali?


passaporto-animali-300x300 Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

Andiamo a capire precisamente cos’è il passaporto europeo per animali. Inanzi tutto il documento può essere rilasciato per cani, gatti e furetti, e, come già spiegati prima, comprende tutte le informazioni sul vaccinazioni e terapie dell’animale.

Il documento conterrà anche la descrizione dell’animale e i dettagli sul suo proprietario, collegati al microchip dell’animale. Proprio come uno strumento di identificazione.

Quando devi avere un passaporto europeo per animali

Se intendi viaggiare dall’Italia a un altro paese UE, Regno Unito o un a un altro paese, avrai senza ombra di dubbio la necessità di questo documento per portare il tuo amico peloso all’estero.

Come ottenere un passaporto europeo per animali

Requisiti

Andiamo a capire cosa si dovrà dimostrare per ottenere il passaporto:

  • l’animale deve essere dotato di microchip.
  • deve essere registrato allAnagrafe Regionale degli Animali d’Affezione.
  • se è stato vaccinato contro la rabbia, e ha eventualmente effettuato successivamente esami del sangue .
  • a seconda del paese da cui parti, se hai un cane, di potrebbe dover dimostrare che la sverminazione è stata effettuata e completata.

Dove recarmi per ottenere il passaporto

Per prima cosa, per ottenere un passaporto, dovrai recarti da un veterinario. Il tuo animale dovrà venire con te e dovrai portare i suoi registri di identità e vaccinazione.

Inoltre, potrebbe essere essenziale fornire i risultati dell’esame del sangue per la rabbia.

Il veterinario prenderà le seguenti informazioni dell’ animale:

  • proprietà dell’ animale.
  • descrizione dell’animale inserendo anche eventuali segni distintivi.
  • conferma che l’animale è stato vaccinato contro la rabbia.
  • i risultati dell’esame del sangue per la rabbia solo se rilevanti.
  • informazioni sul trattamento di sverminazione se necessarie.
  • informazioni del veterinario che ha fornito i referti.

Mi raccomando tenete presente che il microchip deve essere applicato con largo anticipo. Controlla tutte le informazioni in anticipo con il tuo veterinario.

Chi rilascia il passaporto per gli animali

Per il rilascio del documento vi dovrete rivolgere ai Veterinari delle ASL  per il rilascio del documento.

Quanto tempo ci vuole per ottenere un passaporto?

Vi consiglio di richiedere il documento 4 mesi prima della partenza, in modo da avere tempo sufficiente per i relativi controlli e completare tutta la documentazione.

Procedura di rilascio

Solo a partire dall’età di tre mesi compiuti dell’animale il passaporto può essere rilasciato. Agli uffici veterinari delle ASL si deve presentare la seguente documentazione:

  • il controllo di leggibilità del microchip o tatuaggio;
  • certificato di iscrizione all’Anagrafe Canina;
  • libretto sanitario, con certificazione di avvenuta vaccinazione antirabbica in corso di validità. Attenzione: nel caso in cui ci sia la necessità di effettuare il richiamo del vaccino, dopo il rilascio del referto, verrà inserito direttamente sul passaporto;
  • la ricevuta del versamento (il prezzo può variare a seconde della regione, ma normalmente in Italia il costo si aggira dai €5,00 ai €15,00);
  • un documento d’identità valido e il codice fiscale del proprietario maggiorenne.

E’ bene sapere che il passaporto viene rilasciato a vista e, inoltre, non ha scadenza alcuna, valgono esclusivamente le scadenze dei vaccini.

NOTA: Ricordatevi di rispettare la scadenza dei 12 mesi per il richiamo del vaccino antirabbia. Semmai il viaggio dovessere essere pianificato con molto meno preavviso, servirà fare il richiamo almeno 21 giorni prima del viaggio.

Il passaporto europeo ha delle caratteristiche specifiche

img_7331 Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

La caratteristica che distingue il passaporto è la copertina azzurra; il simbolo UE.

Inoltre, viene specificato il codice ISO e la numerazione univoca dello Stato.

Per finire deve essere in lingua ufficiale e lingua inglese.

Costi del passaporto europeo per animali

Come per ogni documento per ottenerlo comporta differenti tipi di costi. Il passaporto ha un costo di ca. 20€, ma dovresti considerare i costi delle vaccinazioni obbligatorie e del microchip.

Devo ricordare che ogni ASL ha un suo tariffario, stabilito in base alla legge e normativa regionale in vigore.

Non esiste, pertanto, un prezzo unico per il passaporto.

Tutto dipende dalla Regione in cui vi trovate!

Il generale il prezzo del vaccino varia a seconda del veterinario e se il tuo animale abbia bisogno di una prima vaccinazione o di un richiamo. Il costo si aggira tra i 40€ e i 60€. .

L’inserimento del microchip costerà probabilmente ca 10 – 30€. In base in cui l’operazione viene svolta, se da un veterinario o presso l’ASL.

NOTA: Esistono alcune associazioni per animali che mettono il servizio a disposizione a costi ridotti o addirittura gratuitamente!

Inoltre, l’animale potrebbe essere sottoposto ad una visita medica dall’ASL. Il prezzo anche in questo caso varia da regione a regione: da €15,00 a €30,00 ca.

Arriviamo ad un costo complessivo di spese extra superiori o pari a ca. €100,00.

Passaporto europeo per animali e le vaccinazioni richieste

vaccini-animali-obbigatori-1-1024x1024 Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

Ho più volte ripetuto che il vaccino che vi permette l’espatrio è quello dell’antirabba ed l’unico vaccino obbligatorio.

Diversamente se la destinazione scelta è la Gran Bretagna, la Svezia, l’Irlanda o un altro paese particolari su territorio Europeo, come ad esempio il Principato di Monaco, sarà, invece, essenziale per verificare gli anticorpi della rabbia il trattamento contro l’Echinococcus multilocularis e un test immunologico.

Regolamento in base alla destinazione

1 – Regole specificamente per membri UE

Bisogna rispettare una serie di condizioni per viaggiare con il proprio animale tra gli Stati membri dell’Unione Europea.

Indubbiamente vi consiglio di pianificare il viaggio per tempo, se possibile con sei mesi di anticipo.

Per il trasporto, l’animale deve avere i seguenti requistiti:

  1. Identificabilità: tatuaggio o microchip. Nel caso in cui il microchip non è conforme alla norma ISO, è necessario munirsi dello strumento di lettura del dispositivo.
  2. Passaporto: deve essere rilasciato dall’ASL, deve certificare la vaccinazione antirabbica in corso di validità.
  3. Età espatrio dell’animale: l’animale deve avere 3 mesi per effettuare la vaccinazione antirabbica, e dopo 21 giorni dalla validità della vaccinazione può partire. Vi sono delle eccezioni e gli stati membri possono autorizzare in deroga quando: i cuccioli hanno meno di 12 settimane e non hanno avuto contatti con animali suscettibili alla rabbia (dichiarazione proprietario/veterinario); hanno tra 12 e 16 settimane e non hanno copertura vaccinale sufficiente; se la madre è stata vaccinata prima della nascita dei cuccioli.
  4. Certificato sanitario: il veterinario deve attestare lo stato di salute idoneo per il viaggio. Tra i paesi dell’UE è valido fino alla scadenza del vaccino obbligatorio.
  5. Deve essere accompagnato dal proprietario indicato sul documento. Oppure se accompagnato da altra persona fisica, questa deve avere una dichiarazione scritta da parte del proprietario per l’accompagnamento.

2 – Regno Unito, Irlanda, Svezia

Gli animali da un paio di anni possono entrare nei paesi sopra elencati senza effettuare la quarantena.

Di seguito i requisiti che servono:

  • Microchip o tatuaggio leggibile per l’identificazione.
  • La vaccinazione antirabbica: almeno 21 giorni prima dell’introduzione, attestata sul passaporto.
  • Titolazione degli anticorpi contro la rabbia: devono essere trascorsi minimo 120 giorni e massimo un anno dalla vaccinazione; è addirittura necessario prelevare un campione di sangue e inviarlo presso un laboratorio abilitato per la titolazione degli anticorpi antirabbia.
  • Passaporto Europeo e certificato sanitario.
  • Trattamento contro la tenia: solo per i cani, da effettuarsi non meno di 24 ore e non più di 120 ore prima dell’arrivo sul posto.
  • Se non accompagnato dal proprietario: serve una dichiarazione scritta firmata dal proprietario che autorizza un’ altra persona fisica ad effettuare il movimento non commerciale dell’animale per conto del proprietario.

kisspng-droopy-cartoon-hanna-barbera-detective-mr-magnifying-glass-5a81dcca963e69.1626310615184601066154 Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

NOTA: Il Regno Unito vieta l’introduzione di alcune razze di cani come ad esempio il Dogo Argentino, il Tosa giapponese, il Pit Bull Terrier e il Fila Brasileiro. Sono previste sanzioni amministrative/penali e la denuncia all’autorità giudiziaria, inoltre potrebbe avvenire la cattura dell’animale.


3 – Norvegia

In Norvegia, deve avere i qui elencati requisiti:

  • Identificazione dell’animale: microchip o tatuaggio leggibile. Se i sistemi di identificazione non sono compatibili con ISO 11784 oppure Annex A fino a ISO Standard 11785, sarà il proprietario a portare con se il lettore per l’identificazione del proprio animale.
  • Antirabica e controllo degli anticorpi: il vaccino è inattivo entro i 365 giorni precedenti dell’arrivo in Norvegia, come da norme inerenti la validità del Passaporto UE.
  • Trattamento conto i parassiti interni: il trattamento viene fatto entro 5 giorni prima dell’arrivo nel Paese. Il cane deve essere trattato almeno due volte prima del viaggio con un intervallo di 28 giorni, così da essere coperto durante il viaggio.
  • Controllo alla dogana: l’animale con il documento deve essere presentato alle autorità doganali. Effettuato il controllo, questi decideranno se l’animale può entrare o meno nel paese.

4 – Finlandia

Finlandia… ecco i requisiti:

  • Identificazione: microchip o tatuaggio leggibile
  • Vaccinazione antirabbica: almeno 21 giorni prima dell’introduzione
  • Passaporto EU e certificato sanitario
  • Trattamento contro la tenia: con un farmaco contenente praziquantel, contro l’ echinococcus. Va fatto entro 5 giorni prima dell’arrivo nel Paese. Non è necessario il trattamento contro l’echinococco per gli animali che hanno meno di 3 mesi e che provengono da uno stato membro UE.

5 – Paesi diversi su territorio europeo

Andorra, Svizzera, Irlanda, Liechtenstein, Monaco, San Marino e Stato della Città del Vaticano applicano delle normative simili ai Paesi dell’UE per il controllo dei requisiti dell’animale domestico in viaggio.

Solo il passaporto avrà caratteristiche diverse: copertina grigia, il codice ISO ed emblema dello Stato e la numerazione univoca. Nello specifico l’animale dovrà avere:

  1. Microchip o tatuaggio identificativo.
  2. Vaccino contro la rabbia e titolazione anticorpale.
  3. Trattamento contro l’ Echinococcus multilocularis.
  4. Certificato sanitario, che ha validità di 10 giorni da quando viene emesso.
  5. Dichiarazione scritta per trasporto non a fini commerciali da parte del proprietario.
  6. E’ obbligatorio il controllo doganale, con rilascio di visto di ingresso da parte del personale che certifica che l’animale è stato controllato all’ingresso.

Assicurazione per animali

Ricordatevi di verificare se l’animale è già assicurato e che sia ancora valida durante il viaggio.

Diversamente, si dovrà pagare un sovrapprezzo o sottoscrivere un’assicurazione aggiuntiva per la durata del viaggio all’estero.

Come riporto il mio animale in Italia dopo aver viaggiato?

La risposta a questa domanda dipende da dove e come hai viaggiato, se in macchina, in nave o in aereo.

Normalmente la compagnia aerea o il personale dell’aeroporto dovrebbe scansionare il microchip e dovrebbe confrontare le informazioni con i documenti portati con te.

Potrebbe accadere al tuo arrivo in Italia oppure al momento dell’imbarco.

Se avrai viaggiato al di fuori dell’Unione Europea, il tuo amico a peloso potrebbe dover passare dalla dogana, prima di lasciare l’aeroporto.

In questo caso, prima di partire contatta l’ufficio doganale del tuo punto di arrivo in Italia e informati sulle procedure da seguire.

Per i cani, un veterinario potrebbe somministrare un trattamento contro la tenia prima del tuo ritorno in Italia.

Le istruzioni specifiche a riguardo variano a seconda della lunghezza e delle tappe del tuo viaggio, pertanto controlla i dettagli prima della partenza.


Conclusione

Spero di avervi elencato tutto ciò che dovreste sapere per permettervi di partire assieme ai vostri amici in modo da non abbandonarli.

#ionontiabbondono

Con un passaporto europeo per animali sarete in grado di portare il vostro amico a quattro zampe con voi senza difficoltà.

Assicuratevi unicamente di effettuare la domanda in tempo per il viaggio, in modo che tutto sia pronto per la partenza! 😉


Viaggiare-con-il-proprio-cane Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

viaggiando su una nuvola

2 pensieri su “Passaporto europeo per Animali: costo, tempistiche e info utili

  1. Ciao Veronica,
    ho un cane e sinceramente non sapevo l’esistenza di questa documento.
    Quest’estate io e mio marito con i bambini abbiamo pensato di affittarci un camper e viaggiare per l’Italia. Dunque volendoci portare il cane ho bisogno del passaporto europeo! Meno male che ho letto il tuo articolo… sennò saremmo partiti senza.
    Grazie.

  2. Aveva già sentito parlare del passaporto per animali, ma non è che ci abbia mai capito tanto! Poi mi sono imbattuta sul tuo articolo e devo dire che è molto esplicito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto