Baia di Caminia – Perla della Costa degli Aranci

La baia di Caminia (/Kami’nia/) è la più suggestiva località della costa ionica calabrese, la “Costa degli Aranci” (anche nota come Costa dei Saraceni)

Spesso non facciamo altro che scegliere mete estive balneari nei luoghi turistici più gettonati, tra Italia e all’estero.

Non pensando che le nostre Coste in Calabria, ancora incontaminate, rientrano tra le più incantevoli in tutta Italia. Azzarderei nel chiamarle “Le Maldive del Sud“.

E come mio impegno personale, sarà quello di farvi conoscere, un pò alla volta, tutte le bellezze che le Coste Calabresi hanno da offrire. Vi assicuro, che in Estate, non vorrete più spostarvi dalla nostra Regione. 😎

Voglio iniziare proprio con la Baia di Caminia. Un posto che mi è rimasto nel cuore 💗 e che consiglio a tutti di andarci e tuffarvi nelle sue acque cristalline!

Costa degli aranci: spiagge per tutti

In anzitutto voglio spiegarvi in quale parte della Calabria si trova la Costa degli Aranci, con 70 km di costa.

Dunque, parliamo del tratto di costa ionica che corrispondente al Golfo di Squillace e appartenente alla provincia di Catanzaro e denominato “Costa degli Aranci” .


Coste-calabresi-1024x1024 Baia di Caminia - Perla della Costa degli Aranci

Quando dico che la Costa degli Aranci offre spiagge per tutti, è veramente così!

Che tipo di spiagge cercate… 🏖️

Preferite gli scogli? Le più indicate sono Pietragrande e Copanello. Preferite la sabbia bianca? Soverato e Montepaone Lido. Preferiti i ciottoli? Catanzaro è quella che fa per voi.

La Baia di Caminia

La baia di Caminia la troviamo presso a poco a metà strada fra Catanzaro Lido e Soverato, nel spettacolare Golfo di Squillace, a 5 km da Copanello.

Pensate è conosciuta ovunque nel mondo per la sua natura incontaminata. 

La lunga spiaggia di Caminia, color avorio, incastonata nelle splendide e scoscese scogliere di granito grigio, come la scogliera di Torrazzo, e fondali marini di rara bellezza.

Vi garantisco che è un piccolo golfo preservato soprattutto dall’uomo e incorniciato dalla natura rigogliosa. Trovo effettivamente difficile non rimanere incantati dal verde corallino dell’acqua limpidissima e sempre calda e dal bianco della spiaggia pulita, molto riparata ed ampia.

Il grande successo di Caminia è senza ombra di dubbio il mare!


mare_caminia__original-1-1024x420 Baia di Caminia - Perla della Costa degli Aranci

Trasparente, come non mai, composto da un fondale che scende verso il largo dove, alle volte, è possibile incontrare secche di un paio di metri di profondità.

Il mare in questo punto è realmente incontaminato e cristallino. Il più delle volte molto calmo e la profondità ridotta dei fondali ed alle scogliere circostanti ricche di insenature, permettono di godersi il mare in assoluta tranquillità e riservatezza.



CHICCA: meta ricercatissima per gli amanti di Snorkeling. Possibilità di immersione diurna e anche notturna (la profondità media è di ca. 12mt).

Vi avverto, la spiaggia della Baia di Caminia è per la maggior parte sabbiosa, ma i ciottoli, invece, sono presenti più che altro in acqua.

Pertanto, se come me, avete difficoltà a camminarci, consiglio di portare con voi delle scarpe di gomma.

Nelle giornate poco ventilate, avete presente quando il caldo torrido vi spinge a rinvigorirvi? Beh, non esitate a immergervi in questa piscina naturale. Inoltre, l’acqua è piacevolmente fresca.

Inoltre, la fantastica posizione tra queste due scogliere proteggono la baia dal vento con il quale, costa dei Saraceni, potrebbe essere disturbata.

NOTA: Fate attenzione! Su questo versante della costa ionica il fondale è basso solo per pochi metri, pertanto se non sapete nuotare bene vi consiglio di non allontanarvi troppo.

Se invece ve la cavate piuttosto bene a nuotare, allora vi suggerisco una bella nuotatina verso la vicina scogliera che troverete sulla sinistra.

Non per niente è famosa come poche. Difatti, la spiaggia di Caminia possiede la bellezza disarmante delle sue suggestive grotte, dove si nasconde il vero tesoro!

Pensate un pò, le grotte sono considerate sacre e si narrano storie suggestive tra mito e leggenda.

Ho trovato al quanto suggestiva ed interessante la Grotta di San Gregorio, che si trova lungo la costa di sinistra.

Secondo la leggenda, si dovrebbe trattare della grotta in cui sarebbero state depositate le reliquie di San Gregorio Taumaturgo.

Come arrivare alla grotta di San Gregorio di Caminia



img_7292 Baia di Caminia - Perla della Costa degli Aranci

img_7291 Baia di Caminia - Perla della Costa degli Aranci

Molti anni fa era accessibile arrivarci via terra, i fedeli si incamminavano dal santuario di Staletti fino alla sacra grotta a piedi, passando da uno splendido litorale di sabbia chiara che permetteva di raggiungerla.

Oggi il passaggio è ostacolato dall’acqua e dagli scogli.

Io l’ho raggiunta a nuoto con poche bracciate, ma per gli avventurosi “strong“, si può scegliere un sentiero sulla roccia e saltando da uno scoglio all’altro senza perdere l’equilibrio. I ragazzi lo usano come trampolino per tuffarsi a mare.

Non sottovalutiamo, naturalmente, la possibilità di visitarla via mare con un’imbarcazione.

LA LEGGENDA: SAN GREGORIO TAMATURGO

Secondo la leggenda le reliquie di San Gregorio Tamaturgo giunsero a Caminia durante l’ imperversare dell’eresia iconoclasta nel VII secolo.

Il corpo del Santo sarebbe stato gettato in mare, all’interno di una cassa di piombo e raggiungere così, dall’oriente, la spiaggia calabrese, miracolosamente sospinto dalle sole mani degli angeli.

La grotta è diventata il luogo da cui ha avuto origine il culto del Santo, patrono del comune di Staletti. Le sue reliquie sono custodite e tutt’oggi venerate, due volte l’anno, all’interno della chiesa bizantina di San Gregorio.

Ogni 25 anni la Statua e la reliquia del santo vengono portate in processione nelle frazioni marine di Copanello e Caminia. L’ultima volta la festa è stata celebrata nel 2011.

Nei dintorni della Baia di Caminia

Difatti, l’intera scogliera della baia di Caminia è cosparsa di angoli appartati e suggestivi che si possono raggiungere esclusivamente a nuoto o con un semplice pedalò, canoa o imbarcazione.

Scogliera delle Vasche di Cassiodoro

Le Vasche di Cassiodoro (Vivarium), le troviamo sulla sinistra, dopo la grotta di San Gregorio Tamaturgo e la scogliera di Torrazzo.

Si tratta di bacini naturali tra gli scogli usate nel 540 d.C. usate principalmente per l’allevamento dei pesci, come ad esempio le murene.


CHICCA: La presenza di archi rocciosi, tane e insenature dove trovano rifugio spigole, saraghi e persino cernie, rappresentano un vero e proprio paradiso per le immersioni, soprattutto notturne.


Pietragrande

A destra di Caminia (guardando verso la spiaggia) troverete la spiaggia di Pietragrande. Chiamata così per il grande scoglio situato di fronte alla spiaggia.

Questa spiaggia, non è molto ampia ed è composta da sabbia mista a ghiaia, ma abbracciata da due scogliere panoramiche fantastiche.

Se siete amanti del divertimento e della musica, non perdetevi la storica discoteca sul mare tra gli scogli: La scogliera di Pietragrande.



NOTA: la spiaggia è molto frequentata dai giovani che amano tuffarsi nel mare cristallino incorniciato dalle splendide calette.

CHICCA: il fondale, specie intorno allo scoglio, è adattissimo per lo snorkeling , il mare è cristallino e trasparente con sfumature turchesi


snorkelin_original-1024x683 Baia di Caminia - Perla della Costa degli Aranci

Come arrivare alla spiaggia di Caminia



La Spiaggia di Caminia è una località situata nel comune di Stalettì, provincia di Catanzaro. Costeggiando la Strada Statale 106 Jonica. Vediamo precisamente quanto dista da:

  • 7 Km da Soverato,
  • 15 Km da Catanzaro Lido,
  • 40 Km circa dalla stazione ferroviaria e dall’aeroporto di Lamezia Terme.

Il mezzo a mio avviso migliore per arrivare a Caminia, è senza ombra di dubbio la macchina o anche la moto.

Macchina / Moto

Uscire dall’autostrada del Mediterraneo E45, Salerno – Reggio Calabria, a Lamezia Terme. Successivamente entrare in SS 280 dei Due Mari / E848 per ca. 26 KM. Prendere l’uscita Germaneto verso Soverato/Catanzaro Sud ed infine continuare su SS 106 Jonica/E90. Proseguire in direzione di SP124 a Caminia.

INFO UTILI: Ricordatevi che ci andrete d’estate, pertanto vi segnalo che in tarda mattinata e nel pomeriggio si crea spesso molto traffico. Quindi armatevi di molta pazienza, perché per percorrere qualche km, specialmente dalle 11 in poi, in alta stagione, impiegherete un pò di tempo.

CONSIGLIO: il consiglio spassionato che mi sento di darvi è sicuramente di cercare di essere già a un buon punto per le 9 del mattino (lo so è molto presto, ma non ve ne pentirete), in modo tale da non stressarsi troppo già prima della ricerca di un parcheggio 🙂

Parcheggiare nella Baia di Caminia

Vi avverto fin da subito, che trovare un posto per la macchina a Caminia potrebbe rilevarsi un problema, soprattutto per chi non intende spendere più di €5.

Un parcheggio a pagamento con tariffario comunale (3 € per i residenti e 5€ per i non residenti) che dispone di pochi posti e già al mattino presto, in alta stagione, potrebbe essere già occupato, lo troverete sul lungomare della spiaggia di Caminia.

Inoltre, sono presenti altri parcheggi privati, gestiti dai proprietari dei lidi balneari. La tariffa giornaliera per lasciare la vostra macchina è circa € 10 e non illudetevi, il prezzo non include il noleggio lettino e ombrelloni.

Se proprio non avete trovato un parcheggio e siete disperati potete sempre parcheggiare la vostra macchina lungo la strada.

Un altro consiglio che vi do per non farvi perdere d’animo ed evitare di camminare con borse faticose: scaricate la macchina prima di parcheggiare, lasciando i vostri amici o famigliari. Potrebbe essere scontato, lo so, ma non a tutti viene in mente, soprattutto all’ultimo momento!


Ma è possibile arrivarci anche con altri mezzi di trasporto:

Treno

Arrivare alla stazione ferroviaria di Lamezia Terme per poi prendere un collegamento per Catanzaro Lido o Soverato.

Da li prenderete un bus di linea 389 che effettua la tratta Catanzaro – Copanello L. – Pietragrande – Soverato (balneare) e viceversa (costo € 1 / 2 a pax). Per info su orari visitare il sito delle Ferrovie della Calabria.

Aereo

Molte compagnie aeree nazionali e internazionali atterrano all’aeroporto di Lamezia Terme. Una volta atterrati potete prendere un taxi o noleggiare un auto.

Se, invece, volete risparmiare, dirigetevi con un bus navetta verso la stazione ferroviaria e proseguite fino a Soverato (il costo della navetta e treno regionale si aggira attorno ai € 6,30 a pax.) e seguire le indicazioni sopra da me elencate.

Lidi balneari sulla spiaggia di Caminia

Sul tratto di spiaggia sono presenti 3 lidi, dove è possibile noleggiare ombrelloni e lettini, a prezzi tutt’altro che modici.

Il primo, arrivando sul lungomare è la Cabana con i posti auto sotto il ponte ferroviario.

Il Lido Aversa, un pò più piccolo e comprende più o meno gli stessi servizi.

Infine il Lido Blanca Cruz, posto alla fine del lungomare di Caminia, verso la grotta di San Gregorio. Lido, a mio avviso, molto carino e un pò più moderno rispetto agli altri.



Io, personalmente, sotto consiglio di una parente che ogni anno passa le sue estati in questa località, sono stata all’ultimo lido da me elencato: il Lido Blanca Cruz.

Mi sono trovata abbastanza bene. Lettini comodi con un adeguata distanza tra un ombrellone all’altro e ho trovato i servizi molto curati.

Qui i prezzi giornalieri nel periodo di Luglio/Agosto si aggirano tra i 17€ e 25€ a persona in 4/5 fila.


io_caminia_mare_original Baia di Caminia - Perla della Costa degli Aranci

Approfondimento – Storia della Baia di Caminia

La storia di Caminia si collega a quella dell’antichissima colonia greca di Skylletium, distante poco più di 10 km, il cui mito circa la fondazione rimanda a quello delle vicende della guerra di Troia e al fondatore Ulisse, naufragato in quella terra, così come indicato da Strabone.
Nel corso dei secoli incombe in un periodo di decadenza profonda fino alla fondazione della nuova colonia romana ad opera di
 Gaio Sempronio Gracco: Scolacium, città di Cassiodoro, detta anche Scylletium. Da questo momento in avanti, in età Giulio-Claudia, la colonia riacquista vitalità e prosperità grazie ad una fase di notevole sviluppo economico, urbanistico ed architettonico.
In età bizantina si hanno notizie del Senatore Cassiodoro (487–583), nato proprio in questa colonia. La stessa area archeologica di Caminia è oggi indicata con il nome di Cassiodorea e le evidenze dell’antico Vivarium.
Il declino comincia purtroppo con la guerra greco-gotica del VI secolo e le incursioni dei Saraceni dal 902 d.C. e si conclude con l’abbandono della città nell’VIII secolo. Gli abitanti trasferiscono il loro insediamento sulle alture circostanti, fondando altri insediamenti, tra le quali, la fondazione della nuova città di Catanzaro.
Con l’avvento dei Saraceni e dei Normanni l’intera fascia costiera è soggetta a profondi attacchi ed incursioni via mare tant’è, ancora oggi, è ancora in uso l’appellativo di “Costa dei Saraceni”.

Conclusione

Se non lo avete già capito 😉 la spiaggia di Caminia è tra le più belle e apprezzate baie per una vacanza in Calabria.

Scogliere e dirupi si alternano a spiagge accessibili solo via mare, veri e propri angoli di paradiso.

Chi giunge qui per la prima volta non potrà fare a meno di rimanere incantato dal fascino di un golfo dalle mille tonalità di blu, dalle sue pareti rocciose e soprattutto non meno importante, dalla splendida vegetazione mediterranea.

Vi consiglio vivamente di farvi anche solo un weekend pernottando nei vari B&B o villaggi.

Godetevi a pieno questa meraviglia naturale, senza dover prendere l’aereo per andare in chissà quale località lontana…

Una vacanza a Caminia: il paradiso a due passi da casa!

viaggiando su una nuvola

5 pensieri su “Baia di Caminia – Perla della Costa degli Aranci

  1. Ciao Veronica, grazie per la tua splendida guida! Così dettagliata e abbastanza accattivate… credo proprio che questa estate mi recherò sul posto per un Week end!

  2. WOW, fantastico!
    Il lido balneare che hai scelto, sembra proprio nuovo e ben organizzato, l’ideale per passare del tempo a rilassarsi!

  3. Che posto magnifico! Veronica dalla tua descrizione del luogo e dalle foto mi hai trasmesso una vera sensazione di pace che solo pochi posti regalano! Ci andrò sicuramente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto