La Stroncatura Calabrese

Costretta a rimanere a casa, a causa del Coronavirus, mi sono chiesta, quale piatto avrei potuto segnalarvi per poi magari proporlo a pranzo o cena ai vostri cari. Così mi è venuta in mente ” a struncatura“, la stroncatura calabrese.

Vi garantisco che sono in pochi a conoscere questa pasta così particolare.

Io, dove averla assaggiata una volta, me ne sono innamorata e ne esco pazza, per quanto mi piace!

E se non avete mai visitato la Calabria è impossibile che l’abbiate mangiata o sentito parlare.

Difatti è difficile da trovare, pertanto se vi capita di intravederla in qualche punto vendita, ancora meglio se è pasta fresca, non esitate e fatene una scorta!!

La stroncatura, dalle origini della zona della Piana di Gioia Tauro e dell’Aspromonte, oggi viene considerata una vera e propria eccellenza della gastronomia calabrese che regala il meglio di sé condita con i più gustosi e genuini ingredienti del territorio.

La storia della Stroncatura Calabrese

Le origini di questa pasta risalgono al XVIII secolo.

Proprio in questo periodo, nella zona dell’area di Gioia Tauro e dell’Aspromonte, si diffuse una pasta ricavata dagli scarti del grano che venivano impastati dalle donne delle famiglie più povere.

Considerata la pasta dei poveri, proprio per la consumazione quasi esclusiva da parte del popolo, grazie al suo prezzo è molto basso.

Insaporita con condimenti molto semplici, piccanti o saporiti.

La ricetta più comune è quella con le olive, peperoncino, pangrattato ed alici, ma anche nelle versioni più condite, come ad esempio, con il sugo a base di nduja o stocco, più comune nella provincia di Reggio Calabria.

Questa specialità, oggi, è diventata un vero e proprio patrimonio gastronomico e culturale.

Le caratteristiche della Stroncatura

Ma come è fatta e come riconoscere la Stroncatura?

Sicuramente, la stroncatura di oggi è un pò più differente da quella delle origini. Ma ha mantenuto le sue inconfondibili caratteriste.

Parliamo di una pasta lunga molto simile alle linguine per la sua forma, è ruvida e di colore scuro, quasi tendente al marroncino, in quanto prodotta con grano duro e farina integrale di prima qualità.

Il contrabbando della Stroncatura Calabrese

Come già anticipato, nel passato per ricavare la stroncatura si sfruttavano i residui della molitura del grano e la crusca raccattate da terra.

Pertanto, a partire dal XIX secolo, proprio per questo motivo assolutamente non igienico, ne venne fortemente proibito il consumo per l’alimentazione.

Ma, malgrado il divieto, la produzione continuava all’interno di alcune bottegucce della zona, come fosse merce di contrabbando.

In cucina


stroncatura_original-300x300 La Stroncatura Calabrese

Rustica e saporita, la struncatura dona il meglio di sé quando viene servita in tavola condita con gli ingredienti tipici del territorio calabrese.

Sebbene sia possibile condire questa particolare pasta con qualsiasi tipo di condimento a patto che sia molto saporito, generalmente è consigliato condire la Stroncatura con una ricetta fatta d’ingredienti tipici della tradizione contadina locale.

Scopriamo insieme le ricette più gustose…

La ricetta tradizionale della Stroncatura

Condire questa particolare pasta lo si può fare con qualsiasi tipo di condimento a patto però che sia abbastanza saporito.

E’ consigliato condire la Stroncatura con una ricetta fatta d’ingredienti tipici locali.

Ingredienti:

  • Olio extravergine d’oliva;
  • Aglio;
  • Peperoncino piccante;
  • Filetti di alici;
  • Mollica di pane tostato;
  • Olive nere;
  • Sale;
  • Capperi;
  • Pomodorini (a scelta).

Il procedimento non è particolarmente complicato ed è, dunque, alla portata di tutti.

Quindi, non ci scuse per non provare questa ricetta!

Vi occorrerà una padella per cuocere gli ingredienti per preparare il condimento e una pentola dove portare l’acqua in ebollizione.

In ogni modo, trattandosi di una pasta che trattiene molto bene il condimento, conviene far sbollentare in pentola la Stroncatura solo per 1-2 minuti e completare la cottura nella padella con gli altri ingredienti.

Mmmm.. una bontà!!!

Stroncatura alla ghiotta con Stocco (Stoccafisso)

Stroncatura-stocco-pomodori-1024x768 La Stroncatura Calabrese

A chi piace il sapore intenso del condimento alla ghiotta con Stocco, allora non potete non assaggiare anche questa variante.

La stroncatura alla ghiotta con Stocco è una ricetta praticata, più comunemente, nella provincia di Reggio Calabria.

E’ un piatto che racchiude tanto sapore e gusto!

Ecco cosa vi servirà per la Stroncatura alla ghiotta di stocco:

  • Stocco (quantità consigliata per due persone 500gr)
  • pelati
  • 1/2 cipolla
  • spicchio d’aglio
  • rametto di prezzemolo
  • pangrattato
  • olive verdi
  • peperoncino q.b.
  • sale e olio Evo

Fate soffriggere l’aglio tagliuzzato finemente assieme alla cipolla con abbondante olio extravergine.

Una volta rosolati gli ingredienti aggiungete lo stocco, mi raccomando ben lavato e accuratamente spinato e tagliato a pezzetti. Unite i pelati,  le olive e  il peperoncino. Fate cuocere a fuoco moderato.

Nel frattempo, in un padellino a parte, fate tostare la mollica di pane.

NOTA: Con  la stroncatura  va usata un po’ d’acqua in più perché in cottura perde molto amido e l’acqua tende ad addensarsi.

Unire nella padella la pasta scolata al dente. Fate saltare il tutto e, prima di impiattare, e aggiungete a “cascata” il pangrattato tostato e decorate con qualche foglia di prezzemolo fresco.

Mi raccomando, servite ai vostri cari la vostra stroncatura ben calda!


Come avrete forse ben capito si tratta di un prodotto povero, che, invece, oggi è molto ricercato per il suo gusto ricercato che si lega benissimo con molti prodotti della dieta mediterranea e soprattutto della cucina tradizionale calabrese.

E’ giusto ricordare, inoltre, che la Stroncatura Calabrese è stata introdotta nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).

Ebbene, vi ho fatto venire l’acquolina in bocca e voglia di preparare ed assaggiare subito questa ricetta, ricca di storia e tradizione?

Fatemi sapere se vi è piaciuta e se ve ne siete innamorati!

viaggiando su una nuvola

2 pensieri su “La Stroncatura Calabrese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto